lunedì 23 dicembre 2013

Il soldato stolto e le sue catene

Un tale di Milano, soldato millantatore, di stirpe di cavalieri, venne a Firenze ambasciatore, e tutti i giorni per ostentazione portava al collo catenelle di vario genere.
Vide la sciocca vanità di costui Niccolò Niccoli, che fu uomo dottissimo e arguto:
«Quegli altri matti», disse, «soffrono di essere legati ad una catena sola; costui invece è tanto matto, che di una catena non si contenta».

Facetiae - 1436/1448

0 commenti:

Posta un commento